Bluoceano - Appunti di viaggio copertina

Bluoceano – Appunti di viaggio

“È nel movimento il senso della vita non nella stasi. Quelli che vogliono creare stati ordinati impongono regole che costringono alla sedentarietà e allora i problemi si snaturano, assumono altre proporzioni, si rendono assurdi e astratti” scrive Olga Tokarczuk in Vagabondi “Se fai una pausa diventerai di pietra, chi si arresta sarà infilato come un insetto”. “Tu invece muoviti, vai, beato è colui che parte”.

Dagli anni 90 il viaggiare è diventato una prassi comune, in quella democratizzazione e banalizzazione che, anche in questo settore, ne evidenzia le aberrazioni. Il mondo globalizzato ha dato per scontato la mobilità e, nel bene e nel male, ne ha fatto la sua bandiera. Migliaia di aerei ogni giorno sorvolano i cieli e inquinano alla grande, le automobili rendono spesso invivibili i centri urbani e solo pochi stati hanno iniziato seriamente un percorso virtuoso verso una mobilità sostenibile. Fino al 2020 spostarsi nel mondo era facile, anche se lo spirito non era certo quello auspicato dalla Tokarczuk.

I cinque racconti che costituiscono questa raccolta, dal primo “Ai confini sud del mondo: la Patagonia, e non solo” all’ultimo “Giro del mondo ai tempi della pandemia” sono al contempo appunti di viaggi transoceanici e anche riflessioni sulle trasformazioni profonde che molti stati extraeuropei hanno avuto negli ultimi anni e sui problemi di fondo dell’Europa.

Alcuni brani

da “Ai confini sud del mondo. La Patagonia e non solo” – Patagonia
da “Ontarie, balene e umani dei vari continenti” – Nuova Caledonia
da “Ontarie, balene e umani dei vari continenti” – Aqaba
da “Giro del mondo ai tempi della pandemia” – Sydney

Recensioni

Francesca Schillaci: Nel “Bluoceano” di Marina Torossi appunti di viaggio in cinque racconti

Presentazioni

Caffè Tommaseo – Lina Morselli, Roberto Dedenaro